Il falco e il falcone

 

Copertina 1a

Titolo:
Il falco e il falcone

pagine 474
euro 18,00
genere: romanzo storico
pubblicato: ottobre 2013
ISBN 9788856767551
Ebook ISBN 9788856797442 € 9,49
Editore: Gruppo Albatros-Il filo

Logo Facebook Romanzi storici di Elide

Quando e come lo “zero” assunse la dignità di numero?
Come e da chi la
“Santa Casa di Nazareth”
fu trasportata e ricostruita a Loreto?
Per quali strade il “Velo della Veronica” giunse a Roma, prima di essere poi portato a Manuppello?
Che fine ha fatto l’oro che i Templari hanno salvato dalla caduta di Acri?
Quale fu l’occasione che indusse Celestino V ad istituire la “Perdonanza”?
Chi o cosa scatenò la distruzione di Lucera?
La risposta a queste domande è parte integrante della vita di Ruggero Da Flor, qui reinterpretata alla luce delle sintetiche e scarse notizie storiche fornite da Mario Veronesi.
La narrazione, ambientata, tra la fine del XIII secolo e l’inizio del XIV, in Germania , Italia, Terrasanta e bacino del Mediterraneo, ed incentrata sulle origini, la vita e le avventure di Ruggero Da Flor, offre un ampio, variegato e colorito affresco dei costumi, della società, della vita dei popoli del bacino mediterraneo e dei potenti dell’epoca.
Avendo come fulcro la battaglia di Tagliacozzo in cui muore il falconiere di Corradino di Svevia, padre di Ruggero, il racconto parte dall’infanzia del protagonista. L’ambientazione e la descrizione delle origini e di alcuni personaggi chiave della vicenda sono occasione per fare la conoscenza degli avi della famiglia Blum, per entrare alla corte di Federico II a Castel del Monte ed incontrare le migliori menti del tempo. La tragica vedovanza della madre, costretta a rifugiarsi nelle vicinanze del porto Brindisi, e le vicende che ne conseguono permettono a Ruggero ed al lettore di prendere contatto con il mare e con l’ambiente templare. E proprio dell’«Ordine del Tempio» il protagonista diventa membro attivo, vivace, a volte scomodo, ma sempre in evidenza. Dopo aver cambiato, latinizzandolo, il suo cognome da Von Blum in Da Flor, Ruggero condivide, a volte da spettatore, più spesso da protagonista e poi da vittima le vicissitudini dei Templari tra Italia e Terrasanta.
La narrazione accompagna il lettore a rivivere le avventure marinaresche e le sventure di Ruggero, capitano del “Falcone” e poi capitano di ventura e pirata, sempre in diretto coinvolgimento con i più salienti eventi storici dell’epoca ed i loro protagonisti.
La morte di Ruggero, pugnalato alle spalle a 37 anni (1305), interrompe il racconto, che termina con un messaggio di speranza e di salvezza.


L’immagine di copertina è opera di Cinzia Gentile


Copertina

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...