Mele marce per la squadra [La Squadra 2]

 

 

Titolo:
Mele marce per la squadra
[La Squadra 2]

pagine 246
euro 16,00
genere:  giallo-poliziesco
pubblicato: febb. 2015 – 2a Ed. 2019
ISBN 9788831646420
Ebook – 9788831647380 – € 3,99

Editore: Youcanprint

Logo Facebook I Gialli di Elide

È passato un anno da quando LA SQUADRA poteva dirsi ufficialmente costituita ed i sei ispettori si trovano coinvolti, non per incarico ufficiale, ma quasi per caso, in una nuova difficile, rischiosa e coinvolgente indagine. Senza mai spostarsi dalle loro sedi operative, ma uniti da un vincolo professionale e umano che li fa vibrare all’unisono, fanno emergere il marciume che ha contagiato eminenti esponenti delle forze dell’ordine collusi con la mafia.
Due fatti apparentemente slegati, l’uccisione di un giovane carabiniere e lo scontro tra cosche mafiose diverse accomunate dall’interesse per un carico di droga arrivato al porto di Messina, portano le indagini a convergere sul GMS (Grande Manovratore Sconosciuto) e a dargli un nome.
Con l’attività investigativa si mescolano i sentimenti e le vicissitudini personali e familiari dei protagonisti. I fatti, seppur crudi ed essenziali, sono sempre visti e vissuti attraverso una precisa e attenta introspezione che, scavando nell’animo di ciascuno e condividendone le emozioni, porta il lettore a conoscere investigatori, vittime e delinquenti come persone.
LA SQUADRA ne esce più coesa che mai e Gabriella Franchi, Carlo Dallolio, Piero Fantacci, Anna Gilli, Giovanni Marras e Antonio Palermo sono pronti ad affrontare una nuova avventura insieme.

Cominciò così. In molti lo credono e, quel che è peggio, lo dicono. Chi sono io per smentirli?
Ma non è cominciata lì. Il momento è stato un altro. Credetemi. Ho sentito “Tum… Tum…“ due colpi secchi come le nocche sulla porta o come lo schianto del legno o il rumore del fulmine quando si scarica sulla terra, e mi sono fermata.
Poi l’ho visto. Sdraiato nell’ombra fra due muri, proprio dove finivano le gocce di rubino, stava un uomo. L’urlo mi è uscito dalla gola querulo come un lamento, inutilmente potente, perché nessuna finestra si sarebbe aperta e nessuno avrebbe portato aiuto.