Non sai mai chi puoi incontrare [La Squadra 1]

 

Titolo:
Non sai mai chi puoi incontrare
[La Squadra 1]

pagine 220
euro 14,00
genere:  giallo-poliziesco
pubblicato: sett. 2014 – 2a Ed. 2019
ISBN 9788831636032
Ebook – 9788831637442 – € 3,99

Editore: YouCanPrint

Logo Facebook I Gialli di Elide

Una torrida e afosa estate fiorentina accoglie sei ispettori accomunati dalla professione, ma tanto diversi tra loro da essere lo specchio delle più diverse componenti della società italiana contemporanea. Il corso di aggiornamento che li ha fatti convergere a Firenze dai confini della penisola si trasforma in concreta attività investigativa grazie all’apparire di un nuovo “mostro” sulla scena toscana.
L’intreccio del lavoro con i problemi della vita quotidiana, della professionalità con l’umanità, della vita con l’azione, del sentimento con il dovere trasformerà sei individui in un gruppo: “LA SQUADRA”
Carlo Dallolio, “Dalloliorompicoglionicarlo” era il suo soprannome e quasi ne andava fiero, piemontese, apparentemente bonaccione e distratto, appena divorziato, aveva riletto attentamente le schede dei suoi colleghi: Gabriella Franchi, fiorentina residente a Genova, anni 34, nubile, due lauree, legge ed informatica, perfetta conoscenza dell’inglese e del tedesco. Palermo Antonio, siciliano, 30 anni, folgorante carriera in polizia per le indubbie doti investigative e la conoscenza di trame occulte. Gilli Anna, friulana, solo successi sulle sue belle spalle, ma, inspiegabilmente, un basso punteggio alla selezione. Giovanni Marras, sardo, il più vecchio, 43 anni, piccolo e segaligno, ma tenacissimo che una volta individuata la preda non la mollava più. Infine Fantacci Piero, senese, 41 anni, duttile e fantasioso, capace di inventarsi ardite soluzioni ai casi e di azzeccarci quasi sempre.
Questi i protagonisti che, convocati a Firenze per un corso di aggiornamento coordinato da Mattia Lombardi, trovano occasione di mettere alla prova le loro capacità professionali grazie ad una serie di delitti che il “mostro” firma evirando le vittime. I valori umani di ognuno diventano il collante più vero per tener la squadra unita.